Illorai

Ferrari, poeta grazie a tata Ersilia

"Il dialetto in poesia ha una grande valenza, la rende più viva, espressiva, fresca, autentica". Lo afferma il poeta di Pavia Davide Ferrari, tra i protagonisti a Seneghe, in provincia di Oristano, del 14/o 'Cabudanne de sos poetas', organizzato da Pedra Sonadora. "Si dice che i dialetti siano morti, niente di più lontano dalla verità - spiega Ferrari - le lingue dialettali sono una fonte inesauribile di nuovi vocaboli, sono molto più vitali dell'italiano". Il festival internazionale per quattro giorni fa risuonare le voci di poeti, scienziati e artisti sardi, italiani, europei tra piazze, vicoli, antichi frantoi, sagrati di chiese e case del paese rurale alle pendici del Montiferru. Un ricco cartellone allestito dal direttore artistico Luca Manunza e un filo rosso: il dialogo tra poesia e scienza. Tra gli ospiti Donatella Bisutti, Serge Pey, Marcu Biancarelli, Paola Zannoner,Matteo Razzini, Guido Cupani, Lula Pena, Franc Ducros, Rossella Panarese, Marco Motta, Gian Mario Villalta, Duilio Caocci, Jago, al secolo Jacopo Cardillo e tanti altri. Classe 1983, Davide Ferrari ha presentato la sua ultima raccolta di componimenti "Dei pensieri la condensa", 40 poesie scritte in lingua pavese con testo a fronte in italiano. "Il pavese, la mia lingua madre che mi ha insegnato già nei primi anni di vita la mia tata Ersilia, mi è servito per ripescare da dentro di me, attraverso il suono delle parole, memorie anche antiche, ricordi che credevo smarriti, scomparsi, cancellati", rivela. E a Ersilia, "maestra senza scola" ha voluto dedicare questo libro che si avvale della preziosa prefazione di Franco Loi, tra le più grandi voci poetiche del panorama italiano e per tanti anni importante presenza del festival. (ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie